martedì 27 dicembre 2016

QUANDO I MITI DELLA MUSICA CI LASCIANO, SCOPRIAMO L'EPOCA DELLA GIOVENTU' TRADITA

Anni di spensieratezza: i gloriosi "Wham!"
David Bowie, Prince, George Michael. Immagini di freschezza creativa, di vitalità, di gioventù eterna da un'età dell'oro musicale che s'allarga fino ad abbracciare tre decadi.
Le loro morti premature ci dicono che tutto è un'illusione, che nulla è eterno, che anche i tronchi di querce secolari possono essere spezzati dal vento del destino. Ciò che non è un'illusione è sicuramente la loro eredità musicale. Ma si tratta di “eredità”, appunto: roba di un passato museale destinato a essere oggetto di rimpianti da qui all'eternità. Perché questa eredità musicale è – specialmente dopo la progressiva distruzione della scena musicale operata dalle varie boyband e shock-artists che sopperiscono alla mancanza di talento con l'effetto speciale di loro costumi e culi (Lady Gaga, Miley Cyrus) dagli anni '90 in poi - destinata a rimanere impareggiata.
Anche le sorti magnifiche e progressive della musica quindi si sono rivelate un'illusione, cosa che doveva comunque essere già chiara dal decadimento dell'offerta musicale nel passaggio dai '70 ai (pur sempre straordinari) '80.

domenica 11 dicembre 2016

L'ULTIMA DEGLI ÜBERIDIOTEN: ESPIARE IL PROPRIO PASSATO IMPORTANDO L'ANTISEMITISMO ISLAMICO

Come risaputo, l'ultimo capolavoro della Germania è stato quello di accogliere sul proprio territorio diverse centinaia di migliaia di “rifugiati”, si suppone in larga parte provenienti dalla martoriata Siria. Ovviamente, sulla reale natura di “rifugiati” di questi nuovi arrivi, si possono sollevare decine di dubbi, alcuni dei quali cercherò di esporre in un prossimo post.
Vorrei ora però concentrarmi sulla situazione tedesca, sollevando un punto abbastanza curioso e assieme inquietante.

martedì 29 novembre 2016

I MEDIA E GLI ATTENTATI TERRORISTICI ISLAMICI: "Copri, Minimizza, Rovescia, Possibilizza"

I media hanno riportato un nuovo grave fatto di cronaca negli Stati Uniti, questa volta per fortuna senza conseguenze letali per nessuna delle 11 persone colpite.
Giornali e notiziari tv parlano di “possibile matrice terroristica”. Naturalmente la politically correctness avallata in 8 tragici anni dal primo presidente musulmano degli Stati Uniti impedisce di aggiungere alla parola “terrorismo” la qualificazione di “islamico”, ma a questo siamo ormai abituati. Come siamo abituati al fatto che per un aggettivo necessario che si omette, se ne aggiunga uno superfluo: “possibile”. Possibile? Dunque, vediamo gli elementi di cui disponiamo.

sabato 8 ottobre 2016

SINISTRA: CORRUZIONE, ANTISEMITISMO E PORCHETTA

Odio le frasi scritte che iniziano con “io”, ma miei studi di decenni parlano del fatto che io sono un marxista. E quindi in teoria dovrei essere molto più "di sinistra” di quegli utili idioti che, nella loro serafica e antropologica inconsapevolezza, si professano tali e non disdegnano di berciartelo in faccia a ogni occasione.
Con il tempo, però, mi sono accorto che quei piccoli "difettucci" che riscontravo nella Sinistra sin dai miei primi vent'anni - come il viscerale odio per gli Ebrei pateticamente mascherato da "antisionismo" (termine che ricorda un po' il celebre "sarchiapone" di Walter Chiari) - non erano un annesso, ma sostanza; che non erano scorie di giovanilismo rivoluzionario, ma veri elefanti nella stanza; che non erano di una minoranza, ma di tutti (perché l'ideologia unisce tutti come la catena al collo degli schiavi, e a sinistra o si è tutti o non s'è nessuno).

giovedì 11 agosto 2016

COS'E' UN "BRAVO ATTORE"?


Sam Rockwell ne "Il Miglio Verde"
Non sempre i migliori attori sono anche i più grandi performer. Più spesso, sono solo delle grandi personalità, delle persone interessanti che interpretano se stesse. La sensazione che recitino bene deriva solo dal fatto che sono chiamati a fare la cosa che gli riesce meglio: essere se stessi. Ovviamente, un attore che nella vita è una persona ordinaria, perfino noiosa, non può “recitare” se stessa, se non nei ruoli in cui è appunto chiamato a interpretare una persona scialba. Ma l'attore che fuori dal set possiede una personalità carismatica e interessante, potrà arricchire il film di un personaggio che gli spettatori possano ammirare, contribuendo così a determinarne il successo, e il tutto con il minimo sforzo: dopotutto, chi meglio di sé può impersonare se stesso?

martedì 9 agosto 2016

GLI STATI UNITI: UNA TEOCRAZIA

Obama presta il suo giuramento su due bibbie
Sull'onda dello sciagurato patto nucleare tra gli Stati Uniti e lo Repubblica Islamica dell'Iran (su cui mi riservo di scrivere in un vicino futuro), mi viene da pormi un quesito: sono i democraticissimi Stati Uniti, in realtà, una teocrazia? Ora, è vero che molti self-pariah intellettuali, dall'ultimo piano della loro torre di avorio, non sopportano quei pezzettini di realtà che ogni tanto osano intromettersi nella purezza della teoria, ma a tutti gli altri, umili mortali, è facile notare le discrepanze all'interno di una nazione che, da un lato, si proclama democrazia anche e soprattutto sulla scorta delle origini illuministiche della propria costituzione (che non a caso ha tra i principi centrali quello della libertà di parola); dall'altro, si rivela per molti aspetti – alcuni centrali – una teocrazia. 
Quali sono queste discrepanze? Beh, citiamone un paio.

giovedì 4 agosto 2016

I BAMBINI DIMENTICATI NELL'AUTO D'ESTATE

"Ricordati di me o ti ricorderai per sempre di me"
A proposito del fenomeno dei bambini dimenticati dai genitori in auto sotto il solleone, l'opinione pubblica appare divisa fra chi esprime piena solidarietà con il genitore autore della dimenticanza, affermando che “può accadere a chiunque” e spostando la responsabilità sui ritmi frenetici della vita moderna, e coloro che invece reclamano almeno un accertamento delle responsabilità. Ecco la mia riflessione per punti.

martedì 26 luglio 2016

L'"IPOCRISIA": CIO' CHE E' E CIO' CHE NON E'

"Giano", di R. Sommaruga
"Giano" (1967), di R. Sommaruga
(Difficoltà: 3,8/5)

Se c'è una cosa che odio (o meglio, che disapprovo) è l'utilizzo che si fa del concetto di “ipocrisia”. Il concetto di “ipocrisia” non è, a dispetto del suo frequente uso, qualcosa di facile da afferrare; ergo, esso viene spesso usato a sproposito. La sua difficoltà deriva dal fatto che si riferisce a un atteggiamento e non a un episodio preciso e concreto, come accade nel caso del concetto di “bugia” o “menzogna”: essendo più "aereo", la ragione fa più fatica ad "afferrarlo" (appunto). 

lunedì 25 luglio 2016

"IL CAOS NON ESISTE": UNA FONDAZIONE GNOSEOLOGICA DEI PRINCIPI DI ORDINE E GIUSTIZIA

(Difficoltà: 4,8/5)

Immanuel Kant
Immanuel Kant
E' piena estate ed estate piena. Da giorni osservo un ragnetto che si è creato una ragnatela tra le doppie finestre della mia camera da letto. La mia camera si affaccia a sud, e c'è uno scampolo di giornata, diciamo tra le 11 e le 12, in cui l'angoletto dove il nero artropode ha intessuto la sua ragnatela è colpito direttamente dal sole. In aggiunta, le finestre esterne sono di metallo, e quindi veicolano particolare calore. Ma per il resto della giornata l'angoletto in questione è coperto dall'ombra, e questo ha permesso evidentemente al ragnetto di sopravvivere.

domenica 17 luglio 2016

10MILA COSE CHE MI FANNO INCAZZARE/9975

 (Difficoltà: 3,2/5)

LA SOCIETA' CONTEMPORANEA: UNA QUESTIONE DI AUTOMATISMI

Viviamo in una società che ci chiede tempi di reazione fulminei
Vorrei mettere agli atti un episodio capitatomi recentemente. Mi trovavo alle poste per recapitare una lettera raccomandata di tipo 1. Entro, mi faccio dare il modulo, compilo e aspetto paziente il mio turno. L'ufficio è pieno di extra-comunitari, dal momento che esso sorge in un'area della mia città di particolare varietà etnica. Le uniche due impiegate allo sportello sembrano far di tutto per esasperare i numerosi clienti, che infatti iniziano a protestare, seppure con ironia: solo uno sportello è aperto alla volta, perché, per chissà quale problema, un cartello “sportello chiuso” si alterna all'uno e all'altro degli unici due sportelli accessibili. Il sospetto è che il direttore di filiale faccia fare un po' di back office alle impiegate. Una delle due impiegate, quella di cui dirò più avanti, batte i tasti con una lentezza che pare studiata: per chi fosse pratico di dattilografia, diciamo che fatica ad arrivare alle quindici parole al minuto, e non sto scherzando. Ma soprassediamo sulla proverbiale voglia di lavorare della fauna impiegatizia del pubblico impiego: non è questo il punto che voglio discutere qui.

mercoledì 6 luglio 2016

L'ARTE DI CHRISTO: IL TALENTO DEL CAPITALE

Le "floating piers" sul Lago d'Iseo
(Difficoltà: 4,5)

L'arte di Christo (una specie di Land Art) è un'arte-evento. Da una parte, essa sembrerebbe esprimere la caducità del prodotto artistico, che s'inscrive pur sempre nel mondo e quindi soggiace al carattere perituro dell'esistente, tanto più se questo mondo è un frenetico succedersi di mode in una società iper-consumistica. L'eternità dell'opera d'arte è così un'illusione: il massimo a cui l'opera d'arte possa aspirare è un'installazione nel museo, a testimoniare un periodo di vitalità passata. Ma – qui il punto – come la vita – per quanto effervescente – lascia il posto alla morte, così la vitalità culturale dell'opera d'arte lascia il posto al magone della nostalgia storicistica. La presenza dell'oggetto d'arte nel museo lo costituisce a oggetto di una siffatta contemplazione, e ciò proprio nel momento in cui ne sancisce la solenne consacrazione di fronte allo spirito della Storia: se il cesso di Duchamp non stesse in un museo, esso apparirebbe come un qualunque pisciatoio, ma almeno manterrebbe la sua vitalità – seppur triviale - di oggetto d'uso quotidiano.

domenica 26 giugno 2016

I SERVO-MEDIA PROPRIO NON VOGLIONO MOLLARE: STUPIDARIO GIORNALISTICO NEL POST-BREXIT

(Difficoltà: 3/7)

courtesy of "opendemocracy.net"
"Li batteremo ancora. Lo stiamo già facendo"
Butterò giù qui un paio di osservazioni a proposito delle reazioni giornalistiche all'uscita della GB dall'Unione europea. L'elenco non è esaustivo: quando si parla dei media del regime euro-tedesco, i confini della menzogna sembrano allargarsi in maniera inversamente proporzionale a quelli dell'Unione. Se ne avrò voglia, lo aggiornerò.


Vecchi contro giovani? No: la vera contrapposizione è tra economia reale ed economia del nulla

I media hanno qui buon gioco nel portare acqua al proprio mulino, o meglio a quello di coloro che servono: l'assist della solita vecchia diatriba tra il nuovo e vecchio, tra i “cambiatori” e i conservatori, tra quelli che guardano a un futuro fatto di autostrade nella troposfera e i nostalgici del protettorato di Cromwell, è offerto loro dal dato apparentemente incontestabile della distribuzione demografica del voto, che parla di una supremazia del “leave” solo a partire dalla fascia dei cinquantenni.
Ma, a dispetto delle apparenze - e secondo una lettura che mi pare, tra le molte, una delle più cogenti per i tempi in cui viviamo - non si tratta in realtà della contrapposizione tra vecchi e giovani, quanto di quella tra economia reale ed economia “del nulla”.

mercoledì 22 giugno 2016

L'EURO-DITTATURA PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO

"A colpo sicuro!"
(Difficoltà: 0,9/5)
Jo Cox è morta. Chi? Certo, nessuno la conosceva al di fuori del Regno Unito, ma ora la conoscono tutti come una brava persona, che si spendeva per fare del mondo “un posto migliore dove vivere”. E ci mancherebbe che non avessero scelto una brava persona, tutta Parlamento, ideali e famiglia, da immolare alle ragioni del “Remain” nella campagna sull'uscita della GB dalla UE!
Perché mi sembra chiaro che il tempismo di questo omicidio è particolarmente sospetto. E tutt'altro che scevro da precedenti. Senza scomodare eventi troppo lontani, basta rivolgersi a un esempio molto simile, anzi specchiato: l'omicidio della ministra svedese Anna Lindh nel 2003. La posta in palio era l'ingresso della Svezia nell'euro, del quale la ministra in questione era una fervente sostenitrice.