sabato 27 giugno 2015

PUBBLICITA' ED EUGENETICA

(Difficoltà: 4,3/5)

Pubblicità "eugenetica"
L'estetica della pubblicità verte sull'eugenetica. Ma, a essere onesti, la sostanza del messaggio pubblicitario non rispecchia, su questo versante, l'operato di un Ministero della Propaganda goebbelsiano, anche se molte delle sue strategie di comunicazione provengono da lì. L'ideale pubblicitario di una società di persone forti e belle, infatti, non passa attraverso la manipolazione genetica, bensì attraverso la manipolazione delle coscienze. Il lato positivo è che la pubblicità non discrimina tra gli alti con i capelli biondi e i bassi con il naso adunco, ma tra i poveri e ricchi: se fosse questione di geni, non avrebbe senso acquistare lo shampoo che trasforma i capelli in fili di seta o il trucco che può far assomigliare alla star del cinema. Il lato negativo, è che della perfezione estetica – come di ogni altra perfezione o forma di successo che essa millanta - la merce regala solo l'illusione.

martedì 23 giugno 2015

ALLA SCOPERTA DELL'AUTOEGOISMO

(Difficoltà: 2,9/5)

da: http://blog.libero.it/formybz/11062326.html
Ho scoperto una cosa: l'autoegoismo. Cosa vuol dire '“autoegoismo”? Esattamente quello che vuole dire: l'egoismo nei confronti di se stessi. Quando uno a pranzo apre il frigorifero e si trova di fronte la scelta fra cosa mangiare subito e cosa riservare a domani, e una cosa è prelibata mentre l'altra è solo commestibile, e mangia subito la prima, allora è egoista verso se stesso, perchè penalizza il suo sé futuro a vantaggio di quello presente.

domenica 21 giugno 2015

UMBERTO ECO E I SOCIAL: DICO LA MIA

(Difficoltà: 3,4/5)

U.Eco "giudice" dei social
I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli, che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli».

Ecco, in un estratto, la scintilla della polemica scatenata da Umberto Eco. Non ho nulla di particolare contro Eco. Come molti, ho letto “Il nome della Rosa” (ottimo romanzo) e ho comprato quasi tutti i suoi romanzi successivi, senza nemmeno aver provato mai a leggerli. Eco è il tipico intellettuale che, di sapere sconfinato, confonde la cultura con l'erudizione. Ha ben presente (ovviamente!) la distinzione tra i 2 concetti, ma non sa applicarla: è più forte di lui.

domenica 7 giugno 2015

IL POTERE VERO DELLA SATIRA

 (Difficoltà: 3.5/5)

Il potere della satira è grande e consiste in questo: "usare", esagerandoli in senso parossistico, tratti del carattere, piccoli o grandi vezzi e atteggiamenti prepotenti, che diventano così la superficie riflettente della mediocrità della loro persona e della fragilità del loro potere. Soprattutto in Italia, dove la sostanziale assenza di criteri meritocratici nella politica, nell'economia e nello spettacolo, porta a esibire "come le palle dei cani" un'arroganza che sopperisca all'infondatezza del proprio prestigio sociale, la satira ha molta presa: non è un caso che il leader del maggior (e unico) partito di opposizione sia un comico.